Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

L'Occasione , lun 22/07/2019

Scroll to top

Top

SPEZZANO: I MIGLIORI “GRAFFITARI” IN LIZZA A “CEMENTO VIVO”

SPEZZANO: I MIGLIORI “GRAFFITARI” IN LIZZA A “CEMENTO VIVO”
L'occasione Annunci

(Spezzano, 04/07/2019) – Fa tappa a Spezzano di Fiorano Modenese la quinta edizione della Street Jam Nazionale di graffiti ‘Cemento Vivo’ che si svolge ogni anno nel modenese.
Sabato 6 e domenica 7 luglio le pareti esterne del bocciodromo di Spezzano (via Mondaini) verranno dipinte con opere di graffiti da ventisei artisti di fama nazionale.
La performance artistica dal vivo sarà accompagnata da musica ed esibizioni di hip hop, skateboard e breakdance, in un mix creativo di discipline di strada (street jam, appunto). Per due giorni Spezzano sarà così il centro della Street Jam nazionale.
L’iniziativa è promossa dal Comune di Fiorano Modenese, in collaborazione con McLuc Culture, associazione culturale impegnata dal 2005 nella promozione della creatività urbana, membro del network internazionale WallSpot.
La manifestazione ‘Cemento Vivo’, ideata cinque anni fa dall’artista Aeko, è un evento culturale multidisciplinare sulla creatività urbana a cui prendono parte giovani talenti italiani, che, attraverso l’arte dei graffiti propongono un’alternativa per la riqualificazione e manutenzione degli spazi.
Durante il live painting, sabato 6 luglio, dalle ore 14.00, è in programma il concerto degli SDP, una delle più significative crew dell’Emilia Romagna. Dalle 17.00 alle 19.00 open jam (sessione aperta) di skateboard. Domenica 7 luglio dalle ore 16.00 breakdance contest e dalle 17.00 skateboard jam.
Gli artisti di ‘Cemento Vivo’ arrivano da tutta Italia e sono alcuni dei più conosciuti nomi della scena attuale: Abva, Aeko, All’anema crew, Charis, Encs, Bibbito, Giowe, Grom, Hot in public, Il Prof, Je 73, Nais, Nekos, Nista, Pavika, Rameist, Rune, Senka, Shoot, Smoh, SteReal, Tackle Zero, Web3, Wubik, Wiz, Zero.
‘Cemento vivo’ rappresenta l’incontro tra energie creative. Vuole dare il suo contributo nel
sensibilizzare il pubblico sull’utilità dell’impegno collettivo per il miglioramento della qualità della vita. Attraverso il restyling artistico può realizzarsi una conversione di aree urbane degradate a museo a cielo aperto.