Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

L'Occasione , gio 21/02/2019

Scroll to top

Top

Niente botti fino all’Epifania

Niente botti fino all’Epifania
L'occasione Annunci

Il Comune di Carpi ha deciso, già da cinque anni a questa parte, di vietare i ‘botti’ di San Silvestro e non solo; l’ordinanza firmata ieri dal SindacoAlberto Bellelli prescrive dunque questo divieto per il periodo festivo ormai imminente e in particolare dalle ore 24 del 25 dicembre fino alle 24 del 6 gennaio 2017. L’ordinanza comunale in particolare prescrive il divieto “a chiunque, in assenza di licenza di cui all’art. 57 del T.U.L.P.S., di effettuare o far effettuare, in luogo pubblico o di uso pubblico e nei luoghi privati da cui possano essere raggiunte o interessate direttamente aree e spazi ad uso pubblico, lo scoppio di petardi, mortaretti ed artifici similari e di ogni tipo di fuoco pirotecnico; a chiunque di utilizzare nei luoghi privati, senza la licenza di cui all’art. 57 del T.U.L.P.S., fuochi pirotecnici non posti in libera vendita;  a chiunque di effettuare, o far effettuare, in luogo pubblico o di uso pubblico lo scoppio di petardi, mortaretti ed artifici similari e di ogni tipo di fuoco pirotecnico anche se di libera vendita”.
L’ordinanza raccomanda poi “a tutti coloro che hanno la disponibilità di aree private, finestre, balconi, lastrici solari, luci e vedute e simili  prospicienti la pubblica via, aree pubbliche, o private ad uso pubblico, di limitarne e controllarne l’uso per l’effettuazione di spari, scoppi, lanci di fuochi pirotecnici, mortaretti, e simili e, comunque, di evitare il lancio di detti artifici, nonché la caduta di altri oggetti pericolosi per la pubblica incolumità, verso luoghi pubblici o di uso pubblico; a genitori e tutori di minori, di vigilare sul corretto uso dei dispositivi nei luoghi privati, sul rispetto delle istruzioni, e per evitare che i minori raccolgano ordigni inesplosi; ai proprietari di animali d’affezione, di vigilare e di attivarsi affinché il disagio degli animali determinato dagli scoppi non causi danni alle persone e agli animali medesimi”.
Le sanzioni amministrative previste dall’ordinanza vanno da 50 a 371 euro, senza contare le sanzioni accessorie che possono prevedere anche l’arresto fino a un anno di colui che venisse sorpreso, senza licenza, a far esplodere ‘botti’ o fuochi pirotecnici non posti in libera vendita.