Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

L'Occasione , lun 11/12/2017

Scroll to top

Top

MODENA: UNA NUOVA SEDE PER LA BANDA CITTADINA

MODENA: UNA NUOVA SEDE PER LA BANDA CITTADINA
L'occasione Annunci

(Modena, 20/11/2017) – La banda cittadina “A.Ferri” ha festeggiato sabato 18 novembre, la riapertura della sede di viale Autodromo, dopo la conclusione dell’intervento di manutenzione straordinaria, con una breve cerimonia alla quale hanno partecipato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli e l’assessore ai Lavori pubblici Gabriele Giacobazzi.

“Con oltre 140 anni di storia e soprattutto con la sua musica di alta qualità, la banda cittadina è un orgoglio per Modena”, ha detto il sindaco al momento del taglio del nastro, sottolineandone l’attività di formazione, i momenti di incontro e la partecipazione a tanti eventi cittadini: “Un ruolo potrà essere svolto ancora meglio nella sede rinnovata”.
L’intervento di ristrutturazione dell’edificio di viale dell’Autodromo 29 e di sistemazione dell’area esterna, necessario a causa di infiltrazioni nella copertura, ha richiesto circa un mese di lavori e segue il recupero, completato lo scorso maggio, della Torre di controllo dell’ex Aerautodromo al Parco Enzo Ferrari, collocata a fianco. I lavori, per un importo complessivo a base d’asta di 50 mila euro, sono stati effettuati dall’impresa Biolchini costruzioni srl e hanno riguardato nel dettaglio l’impermeabilizzazione della copertura, la sostituzione del controsoffitto esistente, la tinteggiatura interna ed esterna dell’edificio, la sostituzione della recinzione esistente e la posa del cancello dell’ingresso principale.
La Banda cittadina di Modena “Andrea Ferri” è nata nel 1875 quando, con voto del Consiglio comunale, assunse la denominazione di Banda municipale. Dopo l’istituzione del liceo musicale “Orazio Vecchi”, la banda continuò l’attività ricoprendo un ruolo di rilievo per la vita della città, animando manifestazioni sportive, religiose e commemorative ed esibendosi in numerosi concerti. Attività che prosegue tuttora, insieme ai corsi di formazione della scuola di musica. L’intitolazione ad Andrea Ferri è un omaggio a uno dei più grandi direttori della storia del corpo bandistico che diresse per ben 57 anni, fino a raggiungere sul podio l’età di 93 anni.