Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

L'Occasione , dom 24/06/2018

Scroll to top

Top

MODENA: UN PROGETTO PER IL PALAMOLZA

MODENA: UN PROGETTO PER IL PALAMOLZA
L'occasione Annunci

(Modena, 23/02/2018) – L’ampliamento del campo da gioco per la pallamano, una nuova copertura a volta per il tetto e la costruzione di tribune accessibili anche alle persone con ridotta capacità motoria, interventi di efficientamento energetico, lavori di messa a norma e una nuova balaustra per la pista da hockey e pattinaggio. Sono questi i contenuti del progetto di rinnovamento del Palamolza, del valore complessivo di 1 milione 500 mila euro, che il Comune di Modena ha candidato al bando per la riqualificazione degli impianti sportivi della Regione Emilia Romagna, chiedendo un contributo pari al 50 per cento dell’investimento totale.
L’intervento, infatti, è previsto nel Bilancio per il 2018 e un emendamento presentato dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli prevede appunto di passare dal costo di 960 mila euro, previsto in un primo momento, al milione e mezzo del progetto esecutivo di manutenzione straordinaria approvato dalla giunta nei giorni scorsi su proposta dell’assessore allo Sport Giulio Guerzoni.
La storica struttura sportiva è utilizzata complessivamente per oltre tremila ore all’anno come palestra a servizio degli istituti scolastici del centro cittadino e come sede degli allenamenti e delle gare della squadra modenese di pallamano, che milita in serie A1, e delle discipline rotellistiche. Ospita inoltre gli allenamenti di calcetto, boxe e sollevamento pesi, ed è sede di supporto logistico per molti eventi, sportivi e non, che si svolgono in città.
Il progetto di riqualificazione, che non comporta un aumento della superficie complessiva, riguarda principalmente il padiglione B del PalaMolza e in particolare il campo da pallamano che deve essere ampliato per raggiungere gli standard regolamentari per la serie A1 e le partite internazionali (dagli attuali 19 metri per 40 a 20 metri per 40).
L’intervento prevede la demolizione della pavimentazione esistente che sarà sostituita con una pavimentazione sportiva indoor in gomma adatta per competizioni di ogni livello; nell’ottica della riorganizzazione si prevede l’installazione di nuove tribune, realizzate in struttura tubolare in acciaio verniciato e piani di seduta a listoni di faggio verniciato ignifugo, con uno spazio adatto alle persone con disabilità, e la realizzazione su tutto il perimetro del campo di una fascia libera larga 1 metro e 20 centimetri priva di dislivelli, collegata ai nuovi accessi che consente l’accessibilità anche alle persone con ridotta capacità motoria
I lavori riguarderanno anche il tetto che sarà demolito e ricostruito in legno lamellare armonizzando le altezze, con l’innalzamento di alcuni centimetri dei punti più bassi, in modo che il palazzetto possa essere utilizzato in modo più flessibile per le diverse discipline sportive. Le travi in legno a elementi curvi con un raggio di 30 metri andranno a caratterizzare il nuovo padiglione scandendo e misurando lo spazio interno. Previsti anche interventi di adeguamento alle normative antincendio, oltre alla verifica di vulnerabilità sismica dell’edificio e a eventuali interventi di miglioramento.
Una nuova e più moderna balaustra per la pista da hockey e da pattinaggio sarà quindi realizzata nel padiglione A.
Per quanto riguarda l’impiantistica il progetto punta all’efficientamento e al risparmio energetico, anche attraverso l’installazione di un impianto fotovoltaico sulla copertura, e riguarderà sia l’impianto di climatizzazione che quello di riscaldamento. La produzione dell’acqua calda sanitaria sarà garantita per il cento per cento attraverso un impianto solare termico a svuotamento. Sarà rivisto infine anche l’impianto di illuminazione con la sostituzione delle lampade attuali con lampade a led che permetteranno di ridurre il consumo di corrente elettrica di quasi la metà.