Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

L'Occasione , ven 19/04/2019

Scroll to top

Top

MODENA: DONATELLA ALLEGRO LEGGE ELIAS CANETTI

MODENA: DONATELLA ALLEGRO LEGGE ELIAS CANETTI
L'occasione Annunci

(Modena, 20/02/2019) – È una lettura pubblica “polifonica”, quella che si svolge giovedì 21 febbraio alle 18 per il terzo appuntamento alla biblioteca Delfini di Modena (corso Canalgrande 103), con la lettura integrale dell’autobiografia di Elias Canetti “La lingua salvata”. Giovedì, infatti, come sempre a partecipazione libera e gratuita per tutti nella sala conferenze della biblioteca di corso Canalgrande 103, il capitolo “Rustschuk. La lingua incantata”, è affidata alle voci dell’attrice Donatella Allegro e a quelle degli allievi del corso Attore Internazionale della Scuola di Teatro Iolanda Gazzero di Ert: Gabriele Anzaldi, Luca D’Arrigo e Cristiana Tramparulo.
Donatella Allegro si è diplomata in recitazione all’Accademia nazionale d’arte drammatica “Silvio D’Amico” di Roma nel 2008. Per Emilia Romagna Teatro, ha lavorato ai progetti “Il Ratto d’Europa”, “Beni Comuni”, “Carissimi padri”, “Un bel dì saremo” e “La classe operaia va in Paradiso”.
Nel 2015 ha diretto un episodio del trittico “Bassa Continua. Toni sul Po”, ideato da Mario Perrotta. Nel 2018 è stata aiuto-regia di Mario Perrotta per l’allestimento di “Nel nome del padre”. È stata docente di pedagogia e relazioni col pubblico nella scuola per attori di Ert Iolanda Gazzerro.
Il prossimo appuntamento con la lettura pubblica del romanzo di Elias Canetti, dal titolo “Manchester. Tappezzeria e libri”, è in programma giovedì 14 marzo, con Eugenio Papalia.
La lettura di “La lingua salvata” è un progetto di Ert Fondazione e Biblioteca Delfini in collaborazione con gli Amici dei Teatri modenesi e Acit Modena.
La drammaturgia è curata dagli allievi del corso di perfezionamento “Dramaturg Internazionale della Scuola di Teatro Iolanda Gazzerro.
Gli incontri, a ingresso libero, si svolgono in sala conferenze della Delfini, Palazzo Santa Margherita, in corso Canalgrande 103 a Modena, con accesso dal chiostro.
Agli interessati si rilasciano attestati di partecipazione e crediti formativi.