Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

L'Occasione , dom 09/08/2020

Scroll to top

Top

CASTEL S.PIETRO: IL “TINISSIMA QUARTET” ALL’ARENA COMUNALE

CASTEL S.PIETRO: IL “TINISSIMA QUARTET” ALL’ARENA COMUNALE
L'occasione Annunci

(Castel San Pietro, 24/07/2020) – Con il concerto del sassofonista Francesco Bearzatti, che si terrà mercoledì 29 luglio all’Arena Comunale di Castel San Pietro Terme (BO) con inizio alle ore 21.15, il festival Crossroads riesce a recuperare una delle tre date di “Cassero Jazz” annullate durante il lockdown. Un altro tassello si aggiunge ai recuperi della kermesse musicale itinerante organizzata da Jazz Network e dall’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna. Bearzatti presenterà “Zorro”, il nuovo programma musicale ideato per il suo Tinissima Quartet, una delle band più rinomate del jazz italiano, con Giovanni Falzone alla tromba, Danilo Gallo al basso elettrico e Zeno de Rossi alla batteria. Il concerto è realizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Castel San Pietro Terme, il Combo Jazz Club di Imola, l’Uisp di Castel San Pietro Terme. Biglietti: prezzo unico euro 15.

Continuano gli omaggi a tema del Tinissima Quartet, con le loro traiettorie spesso inaspettate: da Tina Modotti (2008) a Malcolm X (il pluripremiato X (Suite for Malcolm), 2010), Thelonious Monk (Monk’n’Roll, 2013) e Woody Guthrie (l’audace This Machine Kills Fascists, 2015). Per il suo quinto progetto, la band guidata da Francesco Bearzatti si ispira per la prima volta a un personaggio di fantasia: Zorro. Atteso su disco per la primavera del 2020, “Zorro” è una sorta di immaginifica biografia musicale che ben si allinea alle precedenti scelte di campo di uno dei gruppi più ‘militanti’ del nostro jazz: musica avventurosa, passionale e rocambolesca, al pari delle vicende del giustiziere mascherato, e come esse schierata dalla parte del popolo, contro l’oppressione dei potenti.
La carriera di Francesco Bearzatti (nato a Pordenone nel 1966) si svolge ormai da tempo su una dimensione internazionale. Nella sua musica risuonano oggi le eterogenee componenti della sua formazione: gli studi classici, il metal, la musica da ballo popolare e moderna. Una varietà di interessi che si riscontra anche nelle collaborazioni che lo hanno portato a suonare al fianco di Joe Lovano, Butch Morris, Louis Hayes, Ben Riley, Kenny Wheeler, Randy Brecker, Mark Murphy, Tom Harrell…